Il blog

Quanto è importante per te l’alimentazione?

Da qualche anno nella mia vita sono “entrate” tutta una serie di intolleranze (pare che io sia diventata intollerante al lattosio, al glutine, al lievito, al nichel… insomma un disastro! 🙂 ) e dato che ultimamente sembra essersi verificato un aumento esponenziale di casi di intolleranze alimentari, ho iniziato a farmi qualche domanda, una su tutte: non è che – forse – è “colpa” di quello che mangiamo?

Se cosi fosse, la soluzione sarebbe a portata di mano, giusto?  basterebbe cambiare il nostro modo di mangiare! Peccato però che cambiare le nostre abitudini, sopratutto in mancanza di una reale necessità dettata da problemi di salute, non sia per niente semplice! Per quanto mi riguarda, non avete idea di quante volte mi sia dovuta sentire male prima di arrendermi al fatto che avrei dovuto rinunciare al mio – allora irrinunciabile – appuntamento con cappuccio e brioche… 🙁

Tutta questa premessa per arrivare al motivo per cui vi sto proponendo un menu decisamente impegnativo: si tratta di un percorso proposto da Silvia Petruzzelli, alla base del quale c’è l’idea di “…tornare ad un cibo semplice e vero, con ingredienti sani e non sottoposti a trattamenti industriali. Ovvero, tornare ad un’alimentazione in linea con quelle che sono le raccomandazioni delle grandi agenzie internazionali di ricerca che studiano la correlazione tra cibo e salute, e che ci suggeriscono di basare la nostra alimentazione quotidiana prevalentemente su cereali non industrialmente raffinati, pochi legumi, verdure di stagione (non le patate) e, come dolce, frutta (locale e di stagione), compresa la frutta oleaginosa come mandorle, nocciole, noci, ecc. ” cit. S. Petruzzelli

Silvia si occupa di alimentazione da molti anni e con il suo blog promuove un approccio più consapevole nella scelta degli alimenti che consumiamo ogni giorno. Fatevi un giro e capirete di cosa parlo.

Quindi per questa settimana niente cose semplici! Nei menu troverete ricette anche per il pranzo, oltre a molti ingredienti insoliti che spero vorrete provare,  nonostante alcuni non saranno facilissimi da trovare.

Un’ultima cosa… anche se grazie agli analytics so che leggete le mail e i post, mi piacerebbe però sapere cosa ne pensate, quindi cosa ne dite di farvi sentire?

Buona settimana 🙂

Claudia